Che cos’è la casa familiare? 
 
La casa familiare è il luogo in cui è vissuta la famiglia ( mamma + papà + figli) prima della crisi coniugale e prima del divorzio.
La giurisprudenza definisce la casa familiare: il bene immobile in cui si svolgeva la vita familiare allorché la famiglia era unita (cfr. Cass. 20 gennaio 2006, n. 1198).
 
L’assegnazione della casa familiare è quel provvedimento del Tribunale che attribuisce in sede di separazione o divorzio  la possibilità di continuare a vivere e godere della casa familiare al marito o alla moglie.
 
Quindi, la casa a chi viene assegnata?
Questa è una delle maggiori domande che ci vengo fatte dalle coppie prima di separarsi, ovviamente la risposta non è semplice, ma ci proviamo qui si seguito!
 
In mancanza di specifico accordo delle parti ->  decide il Giudice.
 
⇒ Il giudice, durante il giudizio di separazione o divorzio e con la sentenza che lo definisce, ha solamente il potere – ove ne ricorrano i presupposti – di assegnare all’uno o all’altro coniuge la casa familiare.

Il giudice, durante il giudizio di separazione o divorzio e con la sentenza che lo definisce, ha solamente il potere:

  • se ci sono dei figli, il Giudice valuta prima di  tutto il loro interesse. Infatti la legge all‘ art. 337 sexies cc  precisa che il godimento della casa familiare è disposto tenendo in considerazione all’interesse dei figli, ai quali deve essere assicurato il mantenimento dello stesso ambiente casalingo al fine di rendere meno traumatica la separazione dei genitori.

  • tenere conto dello squilibrio economico e patrimoniale della coppia;

  • coniugi abbiano la proprietà della casa (o un altro diritto di godimento reale o personale)

♣ Si precisa che  in assenza di figli, la coppia coniugata si separa l’assegnazione della casa coniugale non può costituire una misura assistenziale per il coniuge economicamente più debole. Infatti, l’assegnazione della casa coniugale postula l’affidamento dei figli minori o la convivenza con i figli maggiorenni non ancora autosufficienti.

Ogni questione relativa al diritto di proprietà di uno dei coniugi o al diritto di abitazione sull’immobile esula dalla competenza funzionale del giudice della separazione e va proposta con il giudizio di cognizione ordinaria.

 

 
 
♥ Per qualsiasi dubbio o domanda non esitate a contattarci, la prima consulenza è gratuita!