Da che età un bambino/a possono dormire con il papà se la mamma e il papà si separano?

E’ una domanda che ci è stata posta da una giovane coppia che ha un bambino di due anni. Loro non vanno più d’accordo e non si amano più e vorrebbero separarsi e volevano sapere – soprattutto il papà- se aveva anche lui diritto ad avere il bambino a dormire a casa sua.

Infatti, tra i problemi che sorgono nelle separazioni con figli piccoli c’è una questione che assale le coppie ossia se il bambino molto piccolo piò  dormire a casa  con il papà separato.  Questo problema sorge soprattutto se non è ancora completato l’allattamento e lo svezzamento, la madre potrebbe avere delle preoccupazioni per la prolungata permanenza del bimbo con l’ex nelle ore notturne.

⇒ Anzitutto è bene osservare che  la legge non ha stabilito un’età minima per i pernotti.

I Tribunali si sono pronunciati già su questo tipo si situazione e hanno stabilito che anche un bimbo di soli due anni può pernottare con il papà.

♥ Il Supremo Tribunale con una recente sentenza: ha stabilito che un bimbo di due anni di età può e ha diritto di pernottare dal padre.

Nel caso analizzato dalla Suprema Corte  la madre che si era opposta al pernottamento del figlio a casa del padre non aveva dimostrato quale fosse il pregiudizio che il minore avrebbe subito dormendo a casa del papà.

♦ Infatti quello che prevale è la tutela dell’interesse del minore, ossia, va preservato il diritto alla bigenitorialità.

Per bigenitorialità si intende: il diritto del minore ad avere la presenza comune dei genitori nella sua vita, al fine di preservare le relazioni affettive con entrambi i genitori e nel loro dovere di cooperare nell’assistenza, educazione e istruzione dei figli.

⇒ In conclusione si può affermare che: non c’è un limite di età a partire dal quale al bambino può essere consentito di pernottare con il padre separato. 

La Cassazione ha acconsentito ai pernottamenti presso il padre per un bimbo di soli 2 anni, rilevando che il rifiuto della madre era immotivato.