Con la separazione o con il divorzio, esiste una possibilità che non è molto nota a tutti di cedere la proprietà o una quota della proprietà risparmiando!                                                                                              
  • Come funziona?
 
⇒ La prima condizione è che la coppia che ha deciso di lasciarsi lo stia facendo consensualmente e si fa assistere da uno studio legale esperto in separazioni e divorzi, in modo tale che sia in grado di inserire all’interno dell’atto ( ricorso consensuale) anche la parte che attiene alla cessione delle proprietà.
 
Infatti, quando una coppia si separa consensualmente può decidere di inserire nell’atto di separazione anche una parte che attiene al passaggio di proprietà di una casa ( o più ) avendo anche delle agevolazioni.
 
  • Che cosa si intende per agevolazioni?
 
Per agevolazioni si intendono: le agevolazioni fiscali!
Infatti la Suprema Corte (Cassazione 3110/2016) ha affermato che con la separazione e il divorzio  i trasferimenti immobiliari sempre esenti da imposte!
 
⇒Questa tipologia di trasferimenti sono inoltre esenti da imposte (anche di bollo e di registro) così da favorire le famiglie che addivengono alla complessiva sistemazione dei rapporti patrimoniali nell’ambito dalla crisi coniugale.
  1. In primo lungo inserendo nella separazione anche la parte che riguarda il passaggio di proprietà di una casa, evita alla coppia di andare dal notaio. Vi consigliamo di leggere: https://separazionesemplice.com/trasferimento-immobiliare-separazione-divorzio/
  2. In secondo luogo, i trasferimenti immobiliari effettuati tra coniugi oppure dai coniugi nei confronti dei figli, sono esenti dal pagamento dell’imposta di registro, ipotecaria, catastale e dalla tassa d’archivio.
 
Per dirla in parole semplici: i genitori – che si stanno separando consensualmente –  possono prevedere anche il trasferimento di beni, mobili o immobili, ai figli oppure costituire un diritto reale di godimento a loro favore (es. usufrutto, uso, abitazione). È anche possibile prevedere che uno dei coniugi trasferisca la nuda proprietà al figlio, riservandosi uno dei summenzionati diritti.
 
Se i genitori intendono farlo, è meglio farlo nella separazione/divorzio così evitano successivi costi! 
 
♥ Per qualsiasi dubbio o domanda non esitate a contattarci, la prima consulenza è gratuita!