Una delle domande che ci fanno più spesso è: quanto devo dare all’ex coniuge per il mantenimento dei nostri figli? 
 
Ovviamente non esiste una risposta unica, ma qui di seguito cerco di spiegare come funziona. 
 
Anzitutto bisogna sapere che per stabilire l’importo del mantenimento sono da considerare diversi fattori.

⇒ La legge italiana stabilisce che entrambi i genitori hanno l’obbligo di mantenere i figli, anche dopo la separazione. Il mantenimento deve garantire ai figli uno standard di vita adeguato e comparabile a quello che avevano durante la convivenza dei genitori.

Sono diversi elementi vengono considerati per stabilire l’ammontare del mantenimento:

  • Reddito di entrambi i genitori;
  • Stile di vita pre-separazione;
  • Necessità dei figli: (attività extra, abbigliamento, salute, ecc.)
  • Tempo di permanenza presso ciascun genitore: Se i figli trascorrono più tempo con un genitore, ciò influenzerà l’ammontare del mantenimento.
  • Altre responsabilità finanziarie: Se uno dei genitori ha altre persone a carico, questo potrebbe essere considerato.

Non esiste una formula matematica fissa, ma di seguito è un esempio di come potrebbe essere calcolato:

  1. Determinazione del reddito netto: Sommare tutti i redditi netti dei genitori.
  2. Proporzione del reddito: Determinare la proporzione del reddito di ciascun genitore rispetto al totale.
  3. Stima delle spese per i figli: Calcolare una stima delle spese mensili per i figli.
  4. Ripartizione delle spese: Le spese totali vengono ripartite tra i genitori in base alla proporzione dei loro redditi.

Qui in esempio

Supponiamo che il padre abbia un reddito netto mensile di 2.500 euro e la madre 1.500 euro, per un totale di 4.000 euro.

  1. Reddito del padre: 2.500 euro (62,5% del totale)
  2. Reddito della madre: 1.500 euro (37,5% del totale)
  3. Stima delle spese per i figli: Supponiamo che siano 1.200 euro al mese.
  4. Ripartizione delle spese:
    • Padre: 1.200 euro * 62,5% = 750 euro al mese
    • Madre: 1.200 euro * 37,5% = 450 euro al mese

Quindi, il padre dovrebbe contribuire con 750 euro al mese per il mantenimento dei figli.

Ovviamente questa non è la regola, in quanto varai a seconda dei casi specifici di ciascuna famiglia e le singole condizioni di vita, le necessità dei figli e le capacità economiche dei genitori.

Il Tribunale di Milano

considera diversi elementi.

  1. Reddito dei Genitori

  2. Numero e Età dei Figli

  3. Stile di Vita Pre-Separazione

  4. Spese Straordinarie Le spese straordinarie (es. spese mediche non coperte dal Servizio Sanitario Nazionale, attività sportive, viaggi studio) non sono incluse nell’assegno di mantenimento ordinario e vengono ripartite tra i genitori in base alle loro capacità economiche.

 

♥ Se desideri ulteriori dettagli non esitate a contattarci, la prima consulenza è gratuita!